È possibile misurare la torbidità al posto dei solidi sospesi?

ID documento

ID documento TE412

Data pubblicazione

Data pubblicazione 06/06/2019
Domande
È possibile misurare la torbidità al posto dei solidi sospesi?
Sommario
Misurazione della torbidità al posto dei solidi sospesi
Risposta
Anche se i solidi sospesi causano torbidità, la misurazione della torbidità non equivale a quella dei solidi sospesi. La misurazione dei solidi sospesi, secondo la definizione della USEPA, determina la quantità di solidi in un campione in termini di peso, mentre la misurazione della torbidità mostra in che modo i solidi sospesi diffondono la luce. Quando il contenuto di particolati del campione cambia, le caratteristiche di diffusione della luce del campione possono alterarsi in modo imprevedibile. Nei casi in cui si sa che il contenuto di particolati del campione rimane costante nel tempo, è talvolta possibile utilizzare la misura della torbidità per stimare il livello di solidi sospesi. A questo scopo è necessario creare una curva di calibrazione dei solidi sospesi (misurati con metodo gravimetrico) rispetto ai valori di torbidità (NTU) misurati per una serie di campioni con livelli diversi di solidi sospesi. Anche in questi casi, molti campioni non mostrano un rapporto lineare tra i solidi sospesi in ppm e il valore di torbidità. Questo può essere causato da interferenze come il colore o la forma, la distribuzione e l'assorbimento delle particelle. Ad esempio, un campione naturale con una torbidità di 500 NTU spesso mostra una torbidità notevolmente maggiore di 100 quando viene diluito 5 a 1 con acqua distillata.

Questa risposta ti è stata d'aiuto?

Sottomissione in corso...
Grazie per il feedback.
Si è verificato un errore durante la sottomissione. Riprovare.