Con quale frequenza può essere tarata una sonda di conducibilità o di pH?

ID documento

ID documento TE1021

Data pubblicazione

Data pubblicazione 05/06/2019
Domande
Con quale frequenza può essere tarata una sonda di conducibilità o di pH?
Sommario
Frequenza di taratura delle sonde di conducibilità e di pH
Risposta
Hach non pubblica alcuna raccomandazione in merito alla frequenza di taratura dei sensori. Tale decisione spetta al personale QA/QC dell'utente finale.

In genere, le sonde di pH e molte sonde di conducibilità vengono tarate all'inizio di ogni turno di 8 ore, ma la frequenza può variare a seconda dell'applicazione.

In teoria, la sonda deve essere tarata (o almeno controllata con uno standard di taratura) prima di ogni serie di misurazioni. Pertanto, quando si comincia una serie di misurazioni, occorre:
  1. Tarare il sensore
  2. Controllare la taratura con uno standard diverso da quello utilizzato per la taratura (tale processo è anche detto eseguire uno standard di verifica).
  3. Eseguire la serie di campioni (in genere il massimo è 10 campioni, ma può variare)
  4. Eseguire un altro standard di verifica con lo stesso standard utilizzato nel passaggio 2.
  5. Ripetere il passaggio 3.

Nella pratica questa procedura viene applicata solo dai laboratori certificati. Per motivi pratici, molti laboratori eseguono la taratura con una frequenza inferiore.

La frequenza di taratura dipende da:
  • Fattori ambientali e condizioni di misurazione.
  • Probabilità che il sensore cambi nel tempo.
  • Probabilità che il sensore venga contaminato dal campione.
  • Modalità di gestione del sensore da parte dell'operatore tra una misurazione e l'altra.
  • Esperienza del cliente relativamente ai campioni e all'applicazione.

In ogni caso, la frequenza di taratura è una decisione che dipende dall'esperienza del cliente rispetto al tipo di campione misurato e alla frequenza di misurazione. In qualità di produttore, Hach fornisce solo raccomandazioni e consigli generici, ovvero:
  • Prima di utilizzare il sensore, utilizzare uno standard di verifica.
  • Se la lettura dello standard di verifica non rientra nei limiti di precisione accettabili, ritarare il sensore.
  • Se la taratura non rientra nei limiti accettabili, provvedere alla pulizia o alla manutenzione del sensore attenendosi alle raccomandazioni del produttore. Se il problema persiste anche dopo la manutenzione, sostituire il sensore.
  • Tale processo fornisce informazioni sulla frequenza con cui è necessario eseguire la taratura, la manutenzione o la sostituzione del sensore in funzione della frequenza di utilizzo della matrice di campione.

Questa risposta ti è stata d'aiuto?

Sottomissione in corso...
Grazie per il feedback.
Si è verificato un errore durante la sottomissione. Riprovare.