Come può un analisi di monoclorammine dare un risultato maggiore rispetto ad un analisi del cloro totale?

ID documento

ID documento TE3494

Versione

Versione 1.0

Stato

Stato Pubblicato

Data pubblicazione

Data pubblicazione 28/09/2017
Domande
Come può un analisi di monoclorammine dare un risultato maggiore rispetto ad un analisi del cloro totale?
Sommario
Misure di monoclorammine più elevate rispetto al cloro totale
Risposta
Il cloro totale deve risultare sempre uguale o maggiore rispetto alle monoclorammine.
 
Se le misure di monoclorammine forniscono risultati significativamente maggiori del cloro totale (non legate alla precision del test), è necessario tenere conto di quanto segue:

Elevati valori di pH e alcalinità possono dar origine a valori sottostimati di cloro totale. Se si controlla il pH del campione dopo l’aggiunta del reagente DPD, il valore di pH deve essere aprossimativamente pari a 6.3. Se il pH è alto, deve essere aggiustato e riportato nell’intervallo 6-7 ed il test deve essere ripetuto. E’ possibile passare all’analisi del cloro totale nell’intervallo medio (MR), dato che tale procedura è più adatta a campioni alcalini.
 
Verificare se si forma della torbidità dopo l’aggiunta del reagente. In caso affermativo, aggiungere una bustina del reagente durezza in Powder Pillow (codice prodotto 2882346).
 
Verificare la temperatura dei campioni. Basse temperature comportano tempi di reazione maggiori
 
Assicurarsi che le clorammine si siano completamente formate. Prelevare un'aliquota di campione e lasciar riposare per circa 15 minuti e verificare se il risultato varia rispetto ai risultati iniziali
 
Un bianco reagente può essere eseguito per ridurre i valori di monoclorammine.
 
Pulire rigorosamente le cuvette utilizzate sia per l’analisi del cloro totale sia per le monoclorammine, per evitare eventuale contaminazione.

Questa risposta ti è stata d'aiuto?

Sottomissione in corso...
Grazie per il feedback.
Si è verificato un errore durante la sottomissione. Riprovare.