È possibile eliminare l'interferenza dalle forme ossidate di manganese e cromo nel metodo DPD del cloro?

ID documento

ID documento TE206

Versione

Versione 1.0

Stato

Stato Pubblicato

Data pubblicazione

Data pubblicazione 19/12/2017
Domande
È possibile eliminare l'interferenza dalle forme ossidate di manganese e cromo nel metodo DPD del cloro?
Sommario
Interferenze sul metodo DPD
Risposta
Non esiste un modo per eliminare l'interferenza delle forme ossidate di manganese e cromo, ma possono essere effettuati test per compensarne gli effetti. Nei metodi DPD del cloro sono descritte le procedure di compensazione nella sezione relativa alle interferenze del metodo.

1. Correggere il pH del campione a 6-7 come descritto nella procedura.
2. Aggiungere 3 gocce di ioduro di potassio, 30 g/l, a 25 ml di campione.
3. Mescolare e attendere 1 minuto. (Lo ioduro di potassio si combina con il cloro totale per formare iodio).
4. Aggiungere 3 gocce di sodio arsenito, 5 g/L e mescolare. (Questo distrugge tutto lo iodio e il cloro per lasciare solo il manganese e il cromo ossidati).
5. Analizzare secondo la procedura e sottrarre i risultati di questo test dall'analisi originale (senza pretrattamento) per ottenere il valore corretto del cloro.

L'arsenito di sodio distrugge solo il cloro e non influenza il manganese, così come gli altri prodotti chimici di declorazione.
Allegati
Note Interne

Questa risposta ti è stata d'aiuto?

Sottomissione in corso...
Grazie per il feedback.
Si è verificato un errore durante la sottomissione. Riprovare.